Forse siamo stati un po’ stronzi

shoes-1638873_640Quando è stata grande la nostra impronta sul pianeta Terra negli ultimi vent’anni? Troppo, quasi il 10% dei territori selvaggi.

Dal 1993 al 2013 abbiamo “calpestato” un decimo delle “aree incontaminate” – quelle che, banalizzando, l’animale uomo ha lasciato in pace -, abbattendole o modificandole per adattarle alle nostre temporanee esigenze, dalla deforestazione per la trasformazione dei territori in terreni agricoli, all’avvio di attività estrattive di idrocarburi per produrre l’energia che ci serve per fare le cose che quotidianamente facciamo o di cui usufruiamo.

È un problema gigantesco: da un lato perché quelle aree costituiscono i polmoni del nostro pianeta e il freno principale ai probabili disastri prodotti dal riscaldamento globale (sempre roba nostra, ovviamente); dall’altro perché in quegli ecosistemi si trova un’alta percentuale di biodiversità, quella cosa che ci sta tanto a cuore quando parliamo di agricoltura, ma che tendiamo a sottovalutare quando guardiamo il quadro grande e che stiamo costantemente mettendo a rischio (non pensate al panda, pensate proprio a una sterminata schiera di esseri viventi a cui modifichiamo irrimediabilmente e velocemente o cancelliamo l’habitat naturale).

Ma è un problema gigantesco anche per altri motivi: siamo in tanti sul pianeta, forse troppi, e tutti organizzati in modo molto diverso, con sensibilità ai problemi ambientali molto differenziate, esigenze di crescita sociale diverse, dove spesso la conquista di un maggiore livello di benessere ha come tornaconto l’erosione del patrimonio naturale del pianeta. E qui, forse risiede il problema dei problemi: mediare le aspirazioni di crescita di grandi popolazioni umane con l’esigenza – anzi, l’urgenza – di salvare vaste ma sempre più ridotte porzione di natura incontaminata per il bene di tutti. Noi occidentali siamo stati – e siamo tutt’ora, magari in maniera indiretta – pionieri nello sfruttamento indiscriminato dei territori selvaggi e ora che vorremmo essere pionieri dell’inversione di rotta facciamo un’immane fatica a convincere gli altri, vuoi per le loro aspirazioni, vuoi perché continuiamo ad essere estremamente ambigui nelle politiche di protezione e preservazione che adottiamo.

Rimane il fatto che in soli vent’anni ci siamo mangiati una fetta di torta troppo grande e siamo ancora a rischio indigestione.

Parafrasando il Veltroni di Corrado Guzzanti, forse siamo stati un po’ stronzi.

Ovviamente ho banalizzato alla grande tutti i concetti e le informazioni, per avere un quadro vi rimando alle fonti primarie (in inglese):

Il report uscito sulla rivista scientifica Current Biology: “Catastrophic Declines in Wilderness Areas Undermine Global Environment Targets”.

L’articolo di Elizabeth Pennisi su Science: “We’ve destroyed one-tenth of Earth’s wilderness in just 2 decades”

Advertisements

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...