La narrativa della ricostruzione a tre anni dal sisma emiliano

La chiesa di San Paolo a Mirabello (Fe). Foto di Mario Fornasari/CC BY 2.0/Wikipedia
La chiesa di San Paolo a Mirabello (Fe). Foto di Mario Fornasari/CC BY 2.0/Wikipedia

Sono passati tre anni dal 20 maggio 2012, quando una parte dell’Emilia Romagna – soprattutto nel modenese e nel ferrarese – ha avuto un brusco risveglio poco dopo le 4 del mattino grazie a un sisma di magnitudo momento 5.9.

Siamo ancora nel mezzo dell’anniversario, altre forti scosse si verificarono il 29 maggio e poi il 3 giugno. Siamo in mezzo, dunque, anche alle celebrazioni di quell’anniversario.

E non parlo a caso di ‘celebrazioni’. In questi tre anni quando si parla di sisma a livello istituzionale – parlo del caso di Ferrara, che credo di conoscere meglio – si usa quasi esclusivamente una narrativa basata su due pilastri: il ricordo delle vittime e quello della ricostruzione.

Ed è proprio sulla narrativa della ricostruzione che vorrei spendere i miei due cent di riflessione.

Perché se da un lato è normale che sia dia risalto alla risposta delle comunità immediatamente dopo le emergenze (ecco, magari evitando la storiella di essersi rimessi in piedi da soli senza piangere e aspettare interventi da Bologna e Roma come hanno fatto altri, che non è vero e basta leggere le cronache politiche di tre anni fa e di oggi) e di quanto si è fatto e si sta facendo per ripristinare gli edifici e renderli più sicuri, manca, in tutta questa storia, l’attenzione – politica, economica e sociale – sul fattore forse principale: la prevenzione.

Non parlo di prevenzione intesa come messa in sicurezza degli edifici: fondamentale per quanto colpevolmente tardiva, ma di quella che va fatta a livello culturale.

Oggi è forse passato il messaggio che gli eventi sismici del 2012 non erano un’evento inaspettato, quasi impossibile, ma la sensazione è che non ci sia sufficiente attenzione sul fatto che quegli eventi potrebbero ri-verificarsi, magari questa volta letteralmente sotto i piedi dei ferraresi, anche domani. L’idea che il sisma 2012 non sia un’eccezione viene cioè vanificata con una sorta di inconscio collettivo espresso molto bene dalle parole di una tabaccaia che un’anno fa mi disse: “Ormai abbiamo già dato, il prossimo speriamo sia tra altri 500 anni”.

Un inconscio alimentato proprio dalla narrativa pompata della ricostruzione che da una parte rimette le cose a posto e dall’altra le rende più sicure, contribuendo a spostare in maniera malsana l’assunzione di rischi e responsabilità (e di oneri e, in questo caso, di onori) dalle singole persone (e la collettività che costituiscono) alle amministrazioni pubbliche e ai loro rappresentanti politici.

Ovviamente le mie sono solo impressioni – e in quanto tali hanno un valore molto limitato – frutto di qualche esperienza aneddotica, ma anche della constatazione di una certa scarsità di percorsi di formazione sul rischio (ci sono, ma non si vedono granché) diretti alla cittadinanza.

Per la verità lo Urban Center del Comune di Ferrara aveva dato vita a un progetto partecipato, “Battiamo il sisma”, per coinvolgere amministratori, tecnici, esperti e cittadini nell’identificare una serie di buone pratiche per la gestione ordinaria del rischio sismico, incentrata molto – e comprensibilmente – sull’edilizia. Un’iniziativa meritevole (ce ne sono anche altre sul campo), utile, ma che ha rivelato anche un certo disinteresse della cittadinanza prima (che ha partecipato meno di quanto ci si potesse aspettare) e della politica poi, che a quelle buone pratiche ha dato una visibilità scarsissima tanto che, a tre anni dal sisma, il punto della situazione comprende ormai solo lo stato di avanzamento dei lavori edili.

Ma quel punto della situazione – oltre a raccontare quanto siamo stati bravi nella ricostruzione – non può non comprendere una riflessione, seria e strutturata, anche sullo stato di avanzamento di una formazione alla cultura del rischio (sismico). Che vuol dire certamente preparasi lo zainetto da portare via in caso di terremoti (quanti lo hanno a portata di mano?) che rendono pericoloso rimanere in casa, sapere dove andare (a proposito: quanti ferraresi sanno dove sono i punti di attesa, quanti hanno ricevuto la mappa (stampata in ‘ben’ 10mila copie) e dove sono le indicazioni con i percorsi per raggiungerli?), ma anche, se non soprattutto, cambiare il più possibile la forma mentis della popolazione in termini di convivenza costante con un certi tipi di rischio in modo da saper leggere le informazioni e il grado elevato di incertezza che conterranno e adottare azioni quotidiane che quel rischio potrebbero abbassarlo.

Ricostruzione significa anche fare un passaggio culturale in tal senso ma, evidentemente, non potendo portare dati e numeri quantificabili immediatamente in euro, si preferisce lasciare da parte questa parte del racconto.

Advertisements

Un pensiero su “La narrativa della ricostruzione a tre anni dal sisma emiliano

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...