Train to nowhere

Premessa: 1) non mi dilungo su dettagli tecnici; 2) non mi dilungo sui dettagli di tutta la storia; 3) è sabato; 4) oggi vi metto anche la musica.

Dopo il sisma che nel 2012 ha colpito l’Emilia la Regione Emilia Romagna ha deciso di formare una commissione di esperti per cercare di dare alcune risposte sulla sua origine. Una roba nata, diciamolo, per fornire ai cittadini più dubbiosi, più incerti, risposte autorevoli e il più possibile imparziali su alcune questioni che si facevano largo nell’opinione pubblica, una su tutte: siamo stati noi con le nostre attività nel sottosuolo a provocare le due scosse del 20 e 29 maggio? (Meglio: siete stati voi e i vostri amichetti petrolieri con i vostri fottuti piani di sfruttamento della Natura a causare tutto?).

All’inizio molti attivisti e alcuni politici dell’area ‘anti’ (che chiamerò No Triv per comodità da qui in poi) misero in discussione l’imparzialità della commissione: quelli lì hanno avuto contatti a più livelli coi petrolieri, vedrete che uscirà fuori solo la solita ‘sola’, non ce le beviamo.
Poi, una volta reso noto in maniera rocambolesca il rapporto ICHESE (conservato nei cassetti della Regione per un po’ di mesi, con gli assessori regionali che sfacciatamente facevano finta di nulla negli incontri con i No Triv, prima che Science scoperchiasse tutto), tutti a ricredersi: gli scienziati avevano trovato una pistola che forse era fumante nel 2012 nel giacimento di Cavone e chiedeva di fare il ‘guanto di paraffina’ per vedere se quella mano aveva premuto il grilletto. Il famoso “non si può escludere” ecc. ecc.

Il modo in cui sono andate le cose – oltre a far fare una clamorosa figuraccia alla Regione – ha ribaltato anche i piani dei No Triv: “Ah, gli scienziati buoni hanno trovato il colpevole e voi politicanti cattivi ce lo volevate nascondere per poter continuare a rendere la nostra terra una groviera”. I dubbi si sono letteralmente trasformati in certezze: le estrazioni a Cavone hanno determinato la catena di eventi sismici (terminologia non corretta? Portate pazienza…premesse 1, 2 e 3) che ha scombussolato l’Emilia e la Regione (insieme al Mise) stavano tentando di nasconderlo (probabile invece che non sapessero come comportarsi con i propri scettici cittadini di fronte a questioni legate alla probabilità, uno dei grandi e temibili mostri che si frappongono nel rapporto tra scienza e società).

Dopo ICHESE sono successe varie cose: la Regione ha bloccato i nuovi permessi per precauzione (ma ha lasciato stare le attività già in essere, vai a capire il senso logico), una nuova commissione si è formata per fare quel benedetto ‘guanto di paraffina’ al Cavone e, infine, gli esami della polizia scientifica hanno scagionato il principale imputato: Cavone è innocente.
Il test della scientifica è stato ‘validato’, ma solo nei metodi usati, dall’INGV. Questo perché la ‘scientifica’ aveva usato prove un po’ più vecchie rispetto al verificarsi del fatto, prodotte dalla difesa dell’imputato (le avevano trovate gli investigatori dell’Agip prima del sisma) e dunque serviva un ente super partes per confermare che erano utilizzabili.

Il senso di tutta l’operazione è ancora disperso da qualche parte. Tipo: se c’erano già studi considerati dirimenti prima del rapporto ICHESE, perché quest’ultimo non ha fugato subito ogni dubbio utilizzandoli? (non sto accusando, sto proprio chiedendo). Perché nessuno ha chiesto a nessuno come mai dopo la prima scossa (quella del 20) non è stata pre-allertata la popolazione che – magari, forse, non lo sappiamo ma è probabile, non si può escludere – ci sarebbe stata un’altra scossa a breve? Perché nessuno ha chiesto a nessuno lumi sulla terza scossa?

E, ancora e più importante, cosa abbiamo guadagnato tutti quanti da questa storia? Qualcuno dirà – legittimamente – che ne sappiamo di più. Io (che conto quanto una moneta da 500 lire), e su questo convengo con l’ex presidente dell’INGV Enzo Boschi (sempre molto critico in tema) penso che, alla fine, siamo davanti a una vicenda ridicola. Che non ci sta portando da nessuna parte: i No Triv sono diventati No No No No No e ancora No (avete capito? No!) Triv, la Regione annuncia che tutto è ok e che presto si ritorna a bomba. Nel frattempo nessuno si interroga più su una cosa importante: dato che i morti non li fanno i terremoti ma gli edifici non adeguati alle sollecitazioni sismiche, di chi è la vera colpa di tutto quanto è successo? E fino a che punta arriva? E cosa stiamo facendo, nel frattempo che cerchiamo un pistolero che non è mai esistito, per far sì che non accada più o, quantomeno, per mitigare di molto il rischio (stante il fatto che la pericolosità rimane sempre quella)?

Sotto molti aspetti non è cambiato un tubo.

Anzi sì, il modo in cui è stata architettata la storia (a partire dal fatto che la Regione abbia chiesto a un gruppo di esperti se un progetto mai realizzato abbia potuto concretamente dare vita al terremoto: stoccaggio gas a Rivara: un po’ come se chiedeste a un pool di esperti se pensando intensamente e in maniera birichina a Jessica Alba la si possa far rimanere incinta), la mancanza di trasparenza della politica istituzionale, una comunicazione stupida, la caccia al capro espiatorio per far star buoni i rompi balle, hanno prodotto solo peggioramenti: chi pensava prima a cause antropiche, oggi ne è ancora più convinto, chi pensava a cause naturali oggi è convinto come ieri, chi pensava che la scienza e gli scienziati fossero in qualche modo in una posizione di imparzialità si è accorto, casomai ce ne fosse stato ancora bisogno, che a un certo punto tutto viene fagocitato dalle logiche politiche (e economiche), anche quando non si dovrebbe, anche quando l’intento dichiarato era un altro: insomma, dal rapporto ICHESE in giù, la scienza ha perso credibilità agli occhi di molti, la politica idem, le istituzioni idem con patate. Alcune cose – forse quelle più importanti – sembrano cambiate in peggio.

Train to nowhere.

Sì, sono stato superficiale (premesse 1, 2 e 3). Dunque vi rimando a chi è più bravo, tipo Silvia Bencivelli su Strade

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...