Le previsioni di Luke

Luke Thomas Holmquist, Luke Thomas per tutti, stando al credito che alcuni sulla rete gli danno -magari riportando con dei bei titoloni acchiappalettori le sue ultime uscite e poi discostandosene solo a fine articolo/post- sarebbe un esperto super-duper nella previsione precisa, circostanziata e verificabile dei terremoti: uno che mangia la pastasciutta in testa a Giampaolo Giuliani e al suo radon per intenderci.

Prova ne sia la sua previsione di un terremoto di magnitudo superiore a 5 in Sicilia per lo scorso 16 agosto poi “realizzatasi” in due forti scosse di magnitudo 4.1 e 4.2 nella notte fra il 15 e il 16 agosto.

Sul suo sito –quakeprediction– c’è una lista sempre aggiornata di tali previsioni. Le ultime che riguardano l’Italia sono per il periodo che va dall’11 al 15 novembre con fortissime probabilità che si verifichino nel Nord Italia, in particolare a Pescara e nella zona di Ancona (…eh lo so, diciamo che non siamo proprio in Padania):

Come si può vedere dal grafico, però, qualche decina di capoluoghi di provincia è a fortissimo rischio nella giornata dell’11, con probabilità spesso molto superiori al 90%.

È affidabile?

No.

Stando a quanto riporta Luke Thomas stesso, le sue previsioni si basano sulle seguenti osservazioni:

Thermal temperature changes
ULF or Ultra Low Frequency sounds
Micro earthquakes
Animal behaviour
Human behaviour
Moon phases
Seismic gaps
Satellite earthquake clouds
Water temperature changes

Per sua stessa ammissione nell’intervista rilasciata al giornale locale Pattionline:

Io uso le temperature, il vento, l’umidità e il punto di rugiada di ciascuna delle città per le quali effettuo una previsione di terremoto. Il modello di previsione è basato su molte ore di ricerca

In pratica prevede i terremoti con le previsioni del tempo. Metodo che secondo lo stesso ‘ricercatore’ non dava buoni risultati fino al luglio 2013, ma poi il monte ore dedicato alla ricerca ha raggiunto un punto tale che, magicamente, sarebbe arrivata anche l’accuratezza:

Prima del primo luglio 2013 non potevano essere previsti. Adesso, dopo oltre 15.000 ore di ricerca, ho finalmente scoperto la chiave per la previsione dei terremoti.

Sarà.

Se vi state ancora chiedendo se e come abbia azzeccato le scosse in Sicilia bé, non le azzeccate. La previsione originale riguardava il territorio compreso fra Napoli, Catania, Catanzaro , Messina e anche Pescara (oltre Ancona e Firenze)…

…che, come dire, non è proprio una zona ristretta. Gli eventi sismici di una certa entità -e di molto inferiori rispetto a quanto previsto (ricordiamo che tra magnitudo 4 e 5 c’è un abisso) si sono realizzati poi solo nell’area di Messina.

Possiamo dire che ha azzeccato Messina per puro caso. Se non ci credete, c’è chi da tempo fa, con molto rispetto, le pulci al nostro ricercatore mmerigano, prendendo in considerazione le previsioni fatte dal maggio 2012 ad oggi e quello che poi è successo nella realtà: è il sito web quackpredict.com

Nella pagine dedicata alle previsioni di Luke Thomas Holmiquist potrete notare come il loro grado di accuratezza e affidabilità sia davvero misero: ne ha azzeccate l’1,32%, 3 su 227.

Schermata presa da QackPrediction sulle previsioni di Luke Thomas Holmquist
Schermata presa da QackPrediction sulle previsioni di Luke Thomas Holmquist

I terremoti, ad oggi, non sono prevedibili con un alto tasso di accuratezza e precisione, diffidiamo da chi dice di poterlo fare senza dimostrarlo.

Annunci

2 pensieri su “Le previsioni di Luke

  1. Sempre lo stesso copione: un cialtrone che fa “previsioni” ampie e generiche e azzecca qualcosa per puro caso.
    Ma in che lingua si deve dire che i terremoti non si possono prevedere? Perché, evidentemente, la gente non capisce italiano o inglese.
    P.S. Da quando Pescara è nel nord Italia?

    Mi piace

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...