Cattivi maestri

Più volte ho scritto da queste parti sull’utilità dell’informatica e della sua diffusione -anche se non soprattutto nel suo utilizzo ludico– nelle scuole per la promozione di un utilizzo consapevole. Ma i cattivi maestri sono sempre dietro l’angolo, uno di questi è la Peta, nota associazione animalista, famosa per le sue azioni eclatanti in difesa (o presunta tale) del benessere degli animali.

Va da sé che la stessa associazione sia largamente contraria alla sperimentazione sugli animali, da loro enfaticamente chiamata vivisezione. Proprio per “sensibilizzare” le persone su questa battaglia, fortemente ideologica prima che etica, la Peta ha sfornato un videogioco retrò, stile anni ’90, dal nome Care Fight, in cui noi impersoniamo un abile esperto di arti marziali, un vendicatore, che trovandosi chissà come dentro un laboratorio in cui il sangue fa parte della tapezzeria, dopo aver dialogato con un cheerleader semi nuda (tranquilli genitori, è la cosa meno diseducativa di tutto il gioco) deve combattere orde di sadici e vecchi ricercatori muniti di siringone colmo di sangue innocente, liberando al contempo gli animali (cani e gatti, mica moscerini) chiusi nelle gabbie.

I dialoghi fra personaggi, tutti in forma scritta come nella migliore tradizione, sono ampiamente diseducativi ma dal lato della Peta -che da questo lato ha poco da imparare- hanno una grande forza comunicativa: i “cattivi” fanno spesso riferimento al divertimento nel far soffrire le cavie e al fatto che la legge glielo consenta senza problemi.

La guerra santa contro i ricercatori si fa, per ora, con dei colpi d’arti marziali digitali. Dico “per ora” non a caso. Il disclaimer -ovvero quel simpatico accordo in cui la Peta (ma questo capita per il 99% dei programmi informatici) rifiuta ogni responsabilità derivante dall’utilizzo improprio del software  che accettiamo se proseguiamo nell’utilizzo-  è infatti molto ambiguo:

Non male l’uso del termine “assault”: “per cortesia mantenete le vostre aggressioni [o attacchi o gli altri sinonimi che volete usare] contro gli sperimentatori entro i limiti della legalità nella vita reale”, nel frattempo divertitevi a pestarli in quella digitale sperando che le cose cambino, come sembra trasparire dalla prima frase: “è ancora illegale prendere a pugni in faccia chi sperimenta sugli animali”. Sembra una specie di speranza recondita che presto le cose cambino e si possa passare dalla fantasia digitale alla pratica.

La cosa più spiacevole, ma questo è un parere del tutto personale, è che il giochino è divertente e coinvolgente, proprio come lo erano i giochini di quegli anni.

 

Fonti:

http://www.guardian.co.uk/science/brain-flapping/2013/jun/19/video-games-to-promote-science

http://speakingofresearch.com/2013/06/13/petas-mixed-martial-assault-on-scientists/

http://features.peta.org/cage-fight-mma-game/

 

Annunci

5 pensieri su “Cattivi maestri

  1. La PETA è molto sospetta, avendo un bilancio a sei zeri: viene il dubbio che la loro campagna di odio sia stata creata solo per fare soldi a palate con le donazioni.
    Comunque non sono nuovi a idiozie come queste, basta guardare questa recensione del canale di YouTube ParliamodiVG, rubbrica “giochi di pessimo gusto”:http://www.youtube.com/watch?v=RrZdXHM2uBA

    Due dei titoli recensiti sono di stampo animalista (uno proprio della PETA) e… i loro creatori sarebbero da internare.

    Mi piace

    • Da quello che so in World of Warcraft si possono usare degli animali in combattimento… o almeno così mi diceva un giocatore che conosco. Immaggino che questo possa turbare quelli della PETA.
      Solo dei pazzi potrebbero battersi contro i “maltrattamenti” di programmi interattivi con l’aspetto di animali: come si fa a maltrattare qualcosa che non esiste?

      Mi piace

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...