Alieni

Ore 7.31 italiane, il robottino Curiosity della NASA approda su Marte, il pianeta rosso che ha acceso e che ancora accende le fantasie e la curiosità di migliaia di persone. La stessa fantasia e la stessa curiosità che ha portato l’umanità sul suolo lunare e un nostro avanzatissimo progetto tecnologico sul suolo rugginoso di Marte.

Fantasia e curiosità che ci rendono una forma di vita incredibile e strabiliante. Siamo noi i veri alieni. Testimoniamo a noi stessi che forme di vita superiori possono compiere viaggi spaziali, seppur limitati considerando l’immensità dell’Universo, mossi dalla voglia di esplorare, conoscere e capire il mondo che ci circonda. Siamo noi i veri alieni, quelli che conquistano, sondano e osservano territori e pianeti diversi da quello che ci ospita e ci culla.

Le nostre basi spaziali, i nostri satelliti, le nostre orme sul suolo lunare, i nostri rappresentanti-robot su Marte sono il segno incontrovertibile della nostra grandezza. Tutta roba che siamo riusciti a fare in meno di due secoli, noccioline rispetto al tempo in cui la nostra specie esiste sulla Terra.

Curiosity, il nostro ricognitore meccanizzato, studierà per due anni terrestri il suolo marziano alla ricerca di tracce di vita (composti organici) che studierà attraverso un laboratorio chimico sofisticatissimo.

Tutta roba inimmaginabile per i nostri nonni o bisnonni. Tutta roba fantascientifica, incredibile e di pura fantasia fino a non troppi decenni fa. Oggi invece è realtà, è la nostra realtà ed è strabiliante se solo ci si ferma un attimo a pensare.

Eppure c’è chi non riesce a gioire, come chi gestisce l’account Twitter di ArtistiUtili che si chiedono (in risposta a Paolo Attivissimo) che senso abbia sprecare tante risorse per fare queste missioni quando sulla Terra c’è La Crisi. Ecco, Attivissimo ha risposto benissimo: se non lo capiscono, sono parte del problema. Perché l’uomo che si affaccia su Marte non è una prova di forza, non è una gara androgina a chi ce l’ha più grande, ma una conquista dell’umanità: quelle tecnologie, gli studi che hanno dietro, le imprese che ci hanno lavorato, le scoperte che faremo, le informazioni che saremo in grado di leggere e sviscerare sono nostro patrimonio, utile per progredire in modo pacifico, sono una conquista e una proprietà culturale non diversamente da una bel dipinto o da un edificio-ecosostenibile o da una nuova teoria economico-politica. Molte tecnologie che usiamo oggi sono frutto, spesso rielaborato, della nostra intraprendenza passata. La libertà che abbiamo oggi è frutto del nostro ingegno lungimirante. Molto di quel che sappiamo su noi stessi qui sulla Terra, dove c’è la crisi, viene dalla nostra capacità e dalla nostra curiosità nel guardare “il cielo” andandoci dentro e non sono alzando lo sguardo. Conoscere lo Spazio significa capire chi siamo e organizzarci per le nostre rotte future, non diversamente dall’esplorazione delle savane africane o dei ghiacci artici o dalle conquiste mediche. Ogni tassello è una conquista, ogni scoperta contribuisce a costruire il puzzle della nostra conoscenza e del nostro progresso.

Non riuscire a vedere al di là del proprio naso è il primo sintomo di un’Umanità senza futuro.

Curiosity è un simbolo (e molto altro), è l’esempio che possiamo fare grandi passi se solo vogliamo, rappresenta i nostri super poteri, la nostra tecnologia avanzata e la nostra conoscenza. Se esistessero forme di vita primordiali in quel di Marte, se esistessero ominidi simili a noi ma meno evoluti, rappresenteremmo oggi i veri marziani, gli spaventosi alieni capaci di viaggi incredibili, misteriose creature che vengono dallo spazio lontano e che portano la loro incredibile conoscenza e sapienza.

E’ un grande giorno oggi.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...