Cinque prima di mezzanotte

kinoki art
kinoki art

Chissà se riusciremo mai a tornare a casa in tempo, prima di mezzanotte, prima che il sogno finisca, perdendo forse una scarpetta ma riprendendoci la vita.

Il Bulletin of Atomic Scientists è un panel, o per dirla in italiano, un gruppo di esperti fondato nel 1945 e composto da scienziati, ingegneri e altri esperti, creatori delle bombe atomiche come parte del famoso Progetto Manhattan. Bene, questi signori, sapendo bene che razza di tecnologia potenzialmente distruttiva avevano creato e vedendo quanto l’essere umano sia attratto dal commettere atti distruttivi, decisero di monitorare i disastri derivanti non solo dall’uso del nucleare (quello cattivo), ma più in generale dai cambiamenti climatici di origine antropomorfa.

Per farsi ascoltare, il gruppo ha inventato un orologio ideale (mica tanto) che scandisce il tempo che ci rimane da qui alla fine (identificata con la mezzanotte). La fine di noi essere umani s’intende (e di altre specie animali e vegetali che ci porteremo appresso) .

L’11 gennaio 2012 l’orologio ha scoccato le 23 e 55, mancherebbero cioè 5 minuti ideali all’Apocalisse, al punto di non ritorno.

Ovvio, la Vita continuerà ad andare avanti, affrontando i cambiamenti da noi apportati all’ecosistema, ma non finirà certo con l’Uomo (come siamo sempre propensi a pensare), essendo noi solo uno sputo di qualche milione di anni (a voler andare molto a ritroso nel tempo) in una storia in cui gli anni vanno contati in miliardi.

Ecco, l’Apocalisse sarà solo per noi (e con le povere specie animali e vegetali a cui impediremo la sopravvivenza), grazie alle oltre 27 mila armi nucleari sparse sulla faccia della Terra -qualche migliaio delle quali pronte a colpire nel giro di minuti-  e grazie ai livelli di inquinamento che stanno facendo cambiare l’atmosfera (quella bolla di gas che ci permette di respirare e vivere) e dunque cambiare il clima, le temperature degli Oceani (importantissimi) e dei poli. Il nostro inquinamento sta cioè cambiando le condizioni alle quali la vita si dovrà adattare e si dovrà sviluppare in futuro e, continuando così, è più che probabile che noi non saremo ricompresi nel progetto di rinascita.

Mancano solo cinque minuti prima che tutto quello che di bello e di buono abbiamo fatto o vorremo fare non abbia più senso.

Mancano solo cinque minuti prima che la Terra scopra l’inganno, le divinità si rivoltino e la nostra carrozza dorata si trasformi di nuovo in un’inutile zucca che non sarà più in grado di riportarci indietro né da nessun altra parte.

Mancano cinque, ma è un orologio il cui tempo può rallentare (è già accaduto nel 2010 e negli anni ’90) o accelerare (il che accade più spesso). Tutto dipende da quanto l’Uomo sarà in grado, in un futuro che è già iniziato ieri,  di dimostrarsi veramente l’essere più intelligente.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...